Tirreno Pontedera 05 Giugno

Verdura e cibo di giornata con l'app nata a Navaccio

MySpesa è la start-up vincitrice del contest Startup In The Box del polo tecnologico. Prodotti di giornata dei produttrori locali senza spreco di alimenti e inquinamento

LIBERO RED DOLCE 05 GIUGNO 2021

CASCINA. Quando si ordina da casa, specie la spesa, il timore è di vedersi arrivare cibo non perfettamente conservato. E di pagarlo caro. Ed è per riparare a queste "indecisioni" del mercato che Simone Stacchini, 42enne di Fauglia, ha lanciato non più di sei mesi fa la start-up MySpesa, che permette di acquistare prodotti freschi dai produttori locali consegnandola a domicilio o nei punti raccolta. Con un'attenzione speciale alla logistica: un algoritmo calcola in modo efficiente quale prodotto portare prima, evitando sprechi di percorso (inquinamento) e di alimenti (ambiente e commercio). Ed è sulla base di queste premesse, ovvero l'attenzione a innovazione e territorio, ad aver consentito a MySpesa di vincere il contest Startup In The Box indetto dal Polo Tecnologico di Navacchio.

"Noi siamo professionisti del trasporto e del commercio", spiega Stacchini cercando di individuale la peculiarità che differenzia MySpesa da altre imprese di delivery e vendita online già presenti sul mercato. "Da un lato, numeri alla mano, abbiamo dimostrato ai produttori la convenienza del lavorare insieme a noi. I produttori hanno una vetrina a disposizione dove poter esporre i loro prodotti, non avendo tutti a disposizione un e-commerce per la vendita. Dall'altro punto di vista ci siamo concentrati sul servizio di trasporto, sulla logistica. E' lì che abbiamo individuato delle inefficienze e abbiamo visto che si sarebbero potute colmare".

E quando si parla di logistica ci sono pochi ambiti produttivi in grado di rivaleggiare con le competenze e le capacità acquisite negli anni dai porti. Per questo motivo MySpesa ha siglato un accordo di partnership per lo svolgimento di attività di ricerca e sperimentazione con "Cieli" (Centro Italiano di Eccellenza sulla Logistica) dell'università di Genova. Le esigenze di logistica nei porti, la necessità di movimentare flussi di merce enormi e con destinazioni diverse, sono garanzia di qualità dell'algoritmo sviluppato dai ricercatori dell'università ligure, che con i temi della logistica si confrontano da anni con successo.

L'alfiere sul campo di Myspesa è un veicolo elettrico, un camioncino a zero emissioni che rimbalza da un punto all'altro del territorio consegnando agli utenti i prodotti desiderati. Si va sull'app, si mettono i prodotti nel carrello e il gioco è fatto. "E quello che si compra - garantisce Stacchini - arriva garantito dalla catena del freddo. Noi ci poniamo a metà tra l'idea di consegna di Amazon, con camion che partono pieni e arrivano vuoti, e quella del modello dei rider, che si devono organizzare da soli, spesso anche per i mezzi, per portare i prodotti dai vari locali. Con il nostro approccio eliminiamo l'inquinamento, garantiamo la qualità ed evitiamo il problema dello sfruttamento".

Il camioncino di MySpesa è sempre in movimento: l'algoritmo spiega dove andare, quali consegne hanno la priorità per la freschezza (si pensi al pesce o ai gelati) e quando passare dal produttore per non viaggiare vuoto. Stacchini, ospite d'onore al Polo Tecnologico per la consegna del premio alla sua start-up, si presenta ai giornalisti con un cestino di fragole e alcuni fiori di zucca. E va detto: il giallo e l'arancione dei petalo sono ancora di un colore così acceso, nonostante il caldo di ieri, che valgono più di mille parole sull'effettiva freschezza dei prodotti.

Menu principale
Cart
Close
Back
Account
Close